Vivanti V.

Variation of nutritional parameters in the olive oil during the ripening phase

Rivista : Anno 40/Numero 2

Le qualità nutrizionali dell’olio extravergine di olive sono ben conosciute, e sono dovute all’alto contenuto di acidi grassi mono insaturi e alla presenza di componenti minori con caratteristiche antiossidanti. L’uso dell’olio di oliva è importante nell’alimentazione umana perché sembra svolgere un ruolo protettivo contro i processi d’invecchiamento. Lo scopo di questo lavoro è quello di identificare parametri chimici in grado di caratterizzare il valore nutrizionale di un olio lungo tutto il periodo di maturazione. A questo scopo abbiamo determinato la quantità di acido palmitico, stearico, oleico, linoleico, di a-tocoferolo, di fenoli totali, della capacità antiossidante idrofila e lipofila su tre differenti olive da olio. Questi dati sono stati processati con un Functional Mathematical Index (FMI). I risultati mostrano che con un’appropriata scelta dell’ FMI, possiamo ottenere cruciali informazioni sull’evoluzione temporale delle qualità nutrizionali dell’olio e di conseguenza scegliere un ottimo periodo di raccolta



The nutrient characteristics of extra virgin olive oil are well known and are due to the high content of monounsaturatedfatty acids and the presence of minor compounds with antioxidant activity. The use of extra virginolive oil is important in the human diet because it seems to show a protective action against aging processes.These qualities are linked to the pedoclimatic conditions. The aim of this study is to identify the chemical parametersthat are able to characterize the nutritional value during different ripening grades. For this purpose we haveanalyzed eight parameters, such as palmitic acid, stearic acid, oleic acid, linoleic acid, α-tochopherol, total phenols,hydrophilic antioxidant capacity and lipophilic antioxidant capacity, on three different olive oil fruits.These data have been processed by a Functional Mathematical Index (FMI). Results show that an appropriatechoose of the FMI can allow to obtain, by means of a mathematical index, crucial information on the temporalevolution of the nutritional properties of the oil and consequently on the optimal harvesting time.

Application of a Functional Mathematical Index (FMI) to Composition of Potato Glycoalkaloids that Predicts Food Quality and Safe

Rivista : Anno 39/Numero 3

In questo studio viene descritto come l’applicazione di un indice matematico funzionale (IMF) su 59 campioni di patate (coltivate e selvatiche) può aiutare nella scelta delle patate più idonee in base al contenuto di sette glicoalcaloidi strutturalmente differenti. Il valore dell’IMF va da 0.52 (patate con basso potenziale di tossicità) a 2.64 (patate con alto grado di tossicità). Questo indice introduce il concetto di “patata ottimale” usando un’appropriata distanza e N-parametri dimensionali nello spazio. I risultati mostrano che l’analisi matematica della concentrazione dei glicoalcaloidi, con differenti effetti biologici può essere usata per stabilire se una specifica varietà di patata o un suo derivato tecnologico, presenta una qualità e sicurezza d’uso alta, media o bassa. Il principale obbiettivo di questo studio è quello di legare la “qualità chimica” a fattori come crescita, produzione, distribuzione, sia sul processo delle patate che sui suoi prodotti commerciali.



This paper describes the derivation and application of a new functional mathematical index (FMI) that offers a quantitative rating of 59 cultivated and wild potato cultivars in terms of their content of seven structurally different glycoalkaloids. The FMI values range from 0.52 (potato cultivar with predicted low potential toxicity) to 2.64 (potato cultivar with predicted highest toxicity), a five-fold variation from the lowest to the highest value.
The index introduces the concept of an “optimal potato” using appropriate distance and N-dimensional parameter space indices. The results show that a mathematical analysis of the glycoalkaloid content in terms of the experimentally determined balance of concentrations of individual glycoalkaloids with different reported biological effects can be used to establish whether a specific potato variety or processed potato product can be considered of high, medium, or low quality and safety. The main goal is to apply the index to breeding improved potatoes and to link composition and chemical quality with factors in growth, production, distribution, and processing of potatoes and potato products for commercial use.

Back to top